Ti trovi in: home > Le malattie reumatiche > Fibromialgia

La Fibromialgia

Che cos’è?
La Fibromialgia, o sindrome fibromialgica, è una delle più comuni malattie reumatiche caratterizzata da dolore cronico diffuso, principalmente riferito alle masse muscolari. Colpisce quasi esclusivamente il sesso femminile e può essere isolata (“primitiva”) o associata ad altre malattie croniche (“secondaria”), non necessariamente di tipo reumatico.

Come si presenta?
Il paziente fibromialgico riferisce dolori diffusi, migranti, mal localizzabili a livello muscolo-scheletrico, che spesso influenzano la qualità di vita. La descrizione del dolore può variare nei diversi pazienti (urente, estenuante, trafittivo, ecc.) e spesso l’inizio della malattia non è facilmente identificabile, come se fosse presente da sempre. I pazienti con fibromialgia sono molto sensibili alle variazioni meteorologiche, con peggioramento dei sintomi nei periodi freddo-umidi.
La sintomatologia dolorosa è accompagnata da disturbi molto variabili, fra cui alterazione del sonno (difficoltà ad addormentarsi, sonno poco riposante, frequenti risvegli), sindrome del colon irritabile, mal di testa, facile affaticabilità, ansia e/o depressione.

Come si diagnostica?
La diagnosi si basa sostanzialmente sui sintomi che il paziente lamenta, mentre gli esami del sangue e le indagini strumentali sono generalmente nella norma, tuttavia utili per escludere altre malattie. Durante la visita il medico ha la possibilità di verificare la positività dei cosiddetti “tender points”, che corrispondono ad alcuni punti anatomici, dolorosi alla pressione digitale, tipici della fibromialgia.

Che fare ?
In primo luogo bisogna precisare che la fibromialgia non tende ad essere progressiva e quindi non danneggia articolazioni o muscoli, come invece avviene in altre malattie reumatiche. Per migliorare la sintomatologia e quindi la qualità di vita  del paziente, in tutti i casi deve essere mantenuta un’attività fisica di tipo aerobico (ginnastica dolce in piscina o palestra, passeggiate, ecc), oppure possono essere utilizzate tecniche di rilassamento muscolare come lo Yoga e il Tai Chi. I farmaci utilizzati consentono di regolarizzare la percezione del dolore, che in questi pazienti è tipicamente accentuata, favorire il rilassamento dei muscoli e migliorare il riposo notturno.